×

Avviso

Non ci sono cétégorie

 

Dovremmo esordire con “noi lo avevamo detto”. Lo avevamo detto che ai grandi gruppi bancari non interessano più di tanto il Centro-Sud e l'Abruzzo, e ancor meno gl'interessa la nostra Provincia Noi lo avevamo detto che le grandi banche, che nel tempo avevano incorporato gli istituti creditizi locali, avrebbero progressivamente abbandonato il nostro territorio. Poi sono arrivati i numeri a confermare quello che andiamo dicendo: nel 2020 in Abruzzo sono state chiuse il 5,7% delle filiali bancarie, contro un dato nazionale del 3,4%. Nella nostra Provincia la percentuale di chiusure è stata dell'11,1% in un solo anno, quasi il quadruplo del dato nazionale (dati Banca d'Italia). Siamo in attesa che vengano pubblicati i dati relativi al 2021; nel frattempo, il 2022 porta con sè l’annuncio delle nuove chiusure decise dal gruppo Bper. In provincia dell'Aquila saranno altre 5 le filiali che abbasseranno le saracinesche. Non considerando gli sportelli leggeri, il 7,5% delle chiusure decise da Bper su tutto il territorio nazionale riguarderà la nostra Provincia. Il ruolo di Bper nell'economia provinciale è fondamentale, se non altro perché nel 2013 ha assorbito due banche storiche come Carispaq e BLS, fortemente presenti e radicate sul territorio. Per questo motivo, le scelte di questo Istituto sono inevitabilmente destinate ad incidere più di altre. Fin dall'inizio, purtroppo, il Gruppo Bper non si è dimostrato innamorato del nostro territorio, come testimoniano una serie di scelte effettuate nel corso degli anni:  la chiusura della Direzione Territoriale - prima all'Aquila, poi a livello regionale - trasferita ad Ancona, privando così l'Abruzzo di qualsiasi centro decisionale  lo smantellamento progressivo di quasi tutti gli uffici presenti in città con conseguente chiusura del Centro Direzionale Strinella 88  il trasferimento dell'Ufficio Ricostruzione post sisma 2009, sradicato dalla sua sede naturale  la chiusura di una ventina di filiali dall'incorporazione delle due banche, con almeno 6 comuni - tutti ubicati in aree interne - privati di qualsiasi servizio bancario  assunzioni limitate a un giovane ogni 15 dipendenti cessati in occasione dell'ultima manovra sul personale, a fronte di un accordo nazionale che prevedeva assunzioni nel rapporto di 1 a 5. …e l'elenco potrebbe continuare. Su queste decisioni le opinioni possono essere discordanti, ma un fatto è innegabile: sono tutte scelte che hanno impoverito, ed impoveriranno ancora in futuro, il nostro territorio. A colpire maggiormente è il fatto che il disimpegno dei grandi gruppi bancari dalla nostra provincia sia avvenuto, e continui ad avvenire, nella più totale indifferenza della politica locale. Si dirà che le Banche sono aziende private, e che in un regime di libero mercato non si possa interferire con le loro scelte. Ma quello applicato alle banche è uno strano tipo di libero mercato. Un mercato libero solo quando c’è da guadagnare, nel quale le banche devono essere libere di desertificare le zone economicamente meno appetibili, di escludere intere fasce della popolazione dai servizi bancari, di dedicarsi sempre meno alla concessione del credito perché vendere polizze è più redditizio, di tagliare pesantemente i posti di lavoro. Gli introiti sono assolutamente privati. Ma quando ci sono perdite da ripianare, quelle diventano immediatamente pubbliche: quindi via a "bad banks", ricapitalizzazioni, banche risanate e regalate al prezzo di un euro. Tutto a a spese della collettività, cioè di tutti noi. Non possiamo accettare questa visione distorta del mercato, nata ed alimentata con la complicità di una classe politica che pure avrebbe l’obbligo, previsto in Costituzione, di vigilare sul credito e sul risparmio. Sarebbe ora che, per quanto tardivo, arrivasse finalmente un segnale di reale interessamento al territorio da parte della politica locale. Un segnale che non sia soltanto uno slogan elettorale. 

CGIL L’Aquila FISAC/CGIL L’Aquila

BANCHECGIL originalIl Segretario Provinciale Il Segretario Provinciale Francesco Marrelli Luca Copersini

Diretta streaming

Loading...