×

Avviso

Non ci sono cétégorie

premioTE original 

Protagonista del terzo appuntamento della rassegna letteraria “Aspettando il Premio Teramo” sarà Renato Minore, che presenterà il suo nuovo libro di poesie, Ogni cosa è in prestito, un’autoantologia che racconta tutta la sua storia di poeta. L’evento si terrà all’Arca di Teramo, in Largo San Matteo, giovedì 18 novembre 2021, alle ore 17,30.

Dopo i saluti istituzionali del Sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto e dell’assessore alla Cultura Andrea Core, dialogheranno con l’autore la scrittrice Elsa Flacco, il direttore del Centro di Poesia e altri Linguaggi di Chieti Luigi Colagreco, Simone Gambacorta (Presidente della giuria del Premio Teramo) e Paolo Ruggieri (Segretario del Premio Teramo). Letture a cura di Tina Salutari.

 

Il libro (dal sito della Nave di Teseo)

E se le parole, se i versi non fossero altro che la misura di ogni nostra insufficienza? Se non fossero altro che l’indicazione del peso specifico di ogni nostra incertezza e di ogni nostra coscienza d’incompiuto? Come in un mulinello che prende a vorticare nell’acqua, prima piano, a larghi giri, e poi sempre più velocemente, così le poesie che Renato Minore raccoglie in questa sua autoantologia raccontano ogni vita a partire da una vita: perché se ogni cosa è in prestito, lo è anche il dolore e il nome di ciascuno. L’io lirico inventa e rimpasta tutto, è chiaro, e però questo libro, che fa il punto su cinquant’anni di scrittura di quella che Giuseppe Pontiggia considerava una delle voci italiane più sicure e originali, schiude le porte su di un vero e proprio catalogo di momenti di pura esistenza. Fedele al suo sguardo sempre innamorato della parola, Minore plana sull’amore, sull’infanzia, sulla solitudine, sulla memoria, sulla consistenza organica delle nostre percezioni, e lo fa senza trascurare vere e proprie carezze a Marilyn Monroe, Giacomo Leopardi, Ennio Flaiano, Jacques Lacan e Kikuo Takano. Un cahier contemporaneo, questo di Minore, che può anche essere il racconto di bruciante attualità degli ultimi tempi di pandemia, nel silenzio appartato di ogni nostra esitazione e anche di ogni nostra colpa.

 

L’autore

Abruzzese d’origine, Renato Minore vive a Roma da oltre quarant’anni. Ha pubblicato in poesia: I nuovi giorni, Non ne so più di prima, Le bugie dei poeti, Nella notte impenetrabile, I profitti del cuore, O caro pensiero (premio Viareggio). Tra gli altri suoi libri: in narrativa, Leopardi. L’infanzia le città gli amori (nella cinquina dello Strega), Rimbaud. La vita assente di un poeta dalle suole di vento (premio Selezione Campiello), Il dominio del cuore; in saggistica, Mass media, intellettuali, società, Il gioco delle ombre (premio Flaiano), I moralisti del Novecento. Le sue conversazioni con i poeti italiani sono raccolte in La promessa della notte (premio Estense). Ha tradotto le poesie di Paul Verlaine e ha curato l’opera poetica di Kikuo Takano (Il senso del cielo). Critico letterario del “Messaggero”, ha insegnato presso l’Università di Roma e la Luiss. È autore di film televisivi su Rimbaud, Flaiano, Leopardi. Dal 2017 è presidente della giuria letteraria del premio Flaiano.

Diretta

Loading...